"Niente è più patetico di una persona priva di senso di autocritica che si crede PERFETTA solo perchè fa l'un per cento di quello che bisogna fare per essere...appena accettabili." (Gianni Leone)

SUPPER-YS

SUPPER-YS

TRANSLATE

martedì 17 agosto 2010

THE SOFA TRAINING


             UN NUOVO RITORNO E UNA NUOVA FASE PER IL BALLETTO DI BRONZO

La storia del Balletto di Bronzo è punteggiata di aneddoti quasi surreali, situazioni estreme e paradossali, circostanze particolari ed eventi a sorpresa…Anche questo nuovo “ritorno“, ha un certo che di straordinario. Tornati in Italia nel maggio del 2003 dopo il nostro ultimo tour in Messico e Cile, ciascuno di noi intraprese strade musicali diverse, e il gruppo si fermò. Io, naturalmente, mi rituffai nella  mia dimensione solistica, esibendomi da solo con molta
soddisfazione e divertimento. Intanto mi guardavo attorno per scovare due nuovi musicisti per Il Balletto. Nel corso di un anno e mezzo ne ho incontrato o contattato circa centocinquanta, tra bassisti e batteristi, facendo delle selezioni molto lunghe e accurate.

PRIMA FASE: estenuante conversazione telefonica per inquadrare il personaggio
(taluni sono stati scartati già a questo primo livello).

SECONDA FASE: la “Prova Divano”, che non è quello che maliziosamente si potrebbe
immaginare, ma un incontro a casa mia  per verificare  le doti caratteriali e di affidabilità delle varie persone nonché valutare le loro capacità artistiche sulla base dell’ascolto del materiale registrato da me richiesto in precedenza; inoltre, durante questi incontri, cercavo di attingere quante più informazioni possibili sui singoli individui per poi scartare senza alcuna pietà  ”impiegati della musica” senza passione né entusiasmo, mercenari, persone prive di senso
dell’umorismo, povere d’intelligenza, di apertura mentale e di sana follia artistica (e anche qui ne son caduti tanti…); in più, durante questi incontri potevo valutare di persona l’ESTETICA più o meno gradevole dei diversi musicisti (anche l’occhio –mio e del pubblico- vuole la sua parte, of course), tutti compresi  tra i diciannove e i cinquantacinque anni d’età; ma spesso è capitato
che Mister Universo non sapesse suonare affatto o che Godzilla fosse molto dotato: che fare?... Inoltre non andavano bene quelli troppo egocentrici ed esuberanti (si sarebbero scontrati con me dopo due minuti), né quelli con problemi personali tipo dipendenza da droghe (siamo nel Duemila e non più negli Anni ’70: abbiamo già dato!…),  e men che meno quelli con mogli/amanti/fidanzatine/partners asfissianti e troppo “presenti”. Poi, quando mi sono reso conto che tutti quelli che superavano “una certa età” non erano più presentabili sul piano estetico (MAI lasciarsi andare, ragazzi!…) ed avevano perso gran parte del loro sano entusiasmo, mi sono concentrato solo sui più giovani.

TERZA ED ULTIMA FASE (accessibile solo a chi ha superato la famosa “Prova Divano”)
: esecuzione in sala prove di parti tratte dal repertorio del Balletto, più  altre a piacere. Infine, la decisione solenne.  Ma ecco la sorpresa: sebbene fra  i circa ottanta batteristi da me incontrati, tre o quattro avessero tutti i requisiti richiesti, alla fine ho preferito ridare il “trono” a un ben ritrovato Riccardo Spilli. Spiazzante, no? Riccardo entrò nel Balletto nel 1997 ed è a
tutt’oggi il batterista che è durato di più, persino più dello stesso, ”storico”, Gianchi Stinga. Al basso abbiamo Alberto Bronner: lui sì, autentica “primizia”, amabilissima persona e bravo musicista, emerso da una rosa finale di tre bassisti da circa settanta iniziali. Comunque, con molti dei musicisti esclusi sono rimasto in ottimi rapporti e spero che possano svilupparsi delle belle amicizie. Grazie a tutti!
Il debutto di questa nuova formazione avverrà a Roma il 12 novembre 2004 al
Villaggio Globale, in concerto con gli Ozric Tentacles.
                             Gianni Leone, dal 1971 nel Balletto di Bronzo con mani, gola e testa.

N.B. -Oggi, estate 2006, sia il bassista che il batterista sono cambiati di  nuovo:
           al basso c’è Marco Capozi, alla batteria Adolfo Ramundo. 
                                                        Leo
Aggiornamento  2009: il nuovo bassista è Ivano Salvatori.