"Niente è più patetico di una persona priva di senso di autocritica che si crede PERFETTA solo perchè fa l'un per cento di quello che bisogna fare per essere...appena accettabili." (Gianni Leone)

SUPPER-YS

SUPPER-YS

TRANSLATE

lunedì 24 febbraio 2014

IL DELFINO

A pochi giorni dalla tragica scomparsa di Francesco Di Giacomo, Gianni Leone in una sua lettera annuncia che il concerto per la celebrazione del compleanno di Rodolfo Maltese (vedi post precedente), è stato posticipato con data da stabilire. Non solo l'Italia, ma anche il prog-rock internazionale perde una delle sue voci più acclamate e prestigiose. Francesco "Big" verrà ricordato  per il suo contributo oltre che vocale, anche poetico, dipinto in quello che è l'arcobaleno per eccellenza di un affresco musicale come il Progressive-Rock. Da Peter Gabriel a Peter Hammill, da Demetrio Stratos a Francesco Di Giacomo, l'eccellenza interpretativa si è rivelata nel suo massimo splendore. "Dopo, niente è più lo stesso", e forse sarà così. Sempre nella sua lettera, Gianni Leone racconta: "Aneddoti?, Storie?. Ce ne sarebbeno tanti... Pensa!, ci conoscevamo fin dal '71, dal periodo in cui tutti noi gruppi italiani suonavamo agli stessi festival e negli stessi locali, perciò c'incontravamo spesso, anche negli autogrill in zone recondite d'Italia e parlavamo, ci confrontavamo, condividevamo esperienze. Un paio di volte il Banco al completo venne a trovarci nel nostro casale di Rimini e fece delle prove di alcuni brani sui nostri strumenti. Prestai perfino la mia camera da letto a Vittorio (Nocenzi). L'ultima volta che ho visto Francesco è stata in un locale proprio vicino casa mia, il Casanova, dove eravamo a festeggiare il compleanno del fonico del Banco, Carlo Di Filippo. Quella sera c'era con me anche Lino Ajello, chitarrista storico del Balletto, che era venuto a farmi visita a Roma. Lui e Francesco non si vedevano dal '73!. Lino lo incantò con dei giochetti di prestigio fatti con le carte. In quel momento scattai una foto a entrambi, che conservo nel mio cellulare. Era il 17 ottobre 2013. Francesco usava ripetermi, ogni volta che scendevo dal palco dopo essermi esibito: "Ma lo sai che sei davvero bravo?" ed io prontamente gli rispondevo: "Io? E TU?????". Poi ci facevamo una bella risata".

La notizia della scomparsa di Francesco ha scosso non poco il mondo del web e i messaggi di profonda tristezza hanno riempito le pagine dei più famosi social network. Anche Keith Emerson, che non ha certo bisogno di presentazioni, così scrive: "Farewell Francesco. His voice will always carry his spirit, as his spirit carried many. There are no goodbyes, no ciao-ciao's, just a huge lost feeling that now the stage is empty for a while. Farewell Francesco Di Giacomo-BANCO.
             23 febbraio 2014 alle ore 13.49
                      Keith Emerson.

Qui di seguito, le foto scattate da Gianni Leone il 17 Ottobre 2013 nel locale romano Il Casanova. A sinistra Lino Ajello (Balletto di Bronzo) in compagnia di Francesco Di Giacomo (Banco Del Mutuo Soccorso).




Un "Grazie Speciale" a Lino Ajello e Gianni Leone per aver permesso la pubblicazione delle foto.